Quantcast

Inaugurato affresco alla Misericordia di Gorfigliano

È stato inaugurato ieri (29 dicembre) a Gorfigliano il grande affresco realizzato dal pittore pesciatino Franco Del Sarto. Un evento molto importante, basti pensare che quella di Del Sarto è l’unica opera in italia dedicata alla Misericordia realizzata con la tecnica dell’affresco. La giornata è iniziata nella chiesa parrocchiale dove il parroco di Gorfigliano, don Alessandro Gianni ha celebrato una messa al termine della quale, poco dopo, nella sede della Misericordia nel centro di Gorfigliano, c’è stata l’inaugurazione.

L’edificio all’interno del quale è stato realizzato l’affresco, oggi sede della Misericordia, era un tempo la scuola elementare del paese, dunque un luogo che ha anche un grande valore simbolico ed affettivo per la cittadinanza. Due volontari, Fabio e Lucia hanno calato il drappo che ricopriva l’affresco, ed ecco un lungo ed interminabile applauso ha risunato nel salone con molti volti commossi. Notevoli le dimensioni, ben quattro metri per tre. Opera di straordinario realismo, tanto è stata curata nei minimi dettagli dal Maestro Del Sarto. Si può tranquillamente parlare di una narrazione pittorica, proprio come avveniva un tempo, quando gli affreschi, narravano la storia.
Franco Del Sarto, volontario egli stesso in Misericordia a Pescia dove risiede, è riuscito a descrivere nel dettaglio la scena di un soccorso con un ferito grave a causa di un politrauma. Una volontaria, Lucia, porge una coperta di lana ad un anziano infreddolito, e poco distante un ferito che dopo essere stato stabilizzato con la spinale, purtroppo subisce un arresto cardiaco. Ecco che in ginocchio accanto a lui c’è il medico che dopo averlo intubato lo sta ventilando mentre una volontaria pratica il massaggio cardiaco, poco distante un infermiere sta preparando l’adrenalina e proprio per questo si vede una volontaria con una soluzione fisiologica che controlla attentamente l’orologio per dare i tempi esatti all’infermiere per la somministrazione dell’adrenalina. A fianco della scena di soccorso, si possono vedere il defibrillatore e tutti gli strumenti necessari per il soccorso in emergenza. Sulla destra un giovane disperato viene consolato da un volontario. Tutte queste scene, spiega Del Sarto, sono Opere di Misericordia attualizzate in un soccorso. C’è poi Fabio un volontario della Misericordia di Gorfigliano che pur essendo costretto su una sedia a rotelle, soccorre una anziana e le misura l’ossigenazione con il polsossimetro. Dietro vediamo l’ambulanza, con l’autista in contatto telefonico con la centrale del 118 che sta inviando l’elisoccorso Pegaso… ed infatti osservando l’affresco in alto, proprio a fianco del Monte Pisanino si scorge il giallo dell’elicottero Pegaso che sta arrivando sul luogo dell’incidente.
Tutte queste scene avvengono sotto la luce protettrice della Madonnina dei Cavatori portata a spalla proprio da quattro anziani cavatori, un modo, ha spiegato Del Sarto, per rendere omaggio alla Madre dei Cavatori di Gorfigliano di cui proprio lo scorso agosto è stato festeggiato il 70esimo anniversario.
L’affresco è stato realizzato grazie alla volontà di Carlo Spadoni, che ha ricordato il momento in cui entrando all’interno di questo salone e vedendo quella parete così imponente ebbe l’idea di far realizzare un grande affresco, e così è stato.
Il presidente della Misericordia di Gorfigliano Giusto Orsi ha ricordato come l’inaugurazione di questa opera rappresenta un momento storico, dove si va ad inaugurare un’opera che a differenza dei mezzi di soccorso, che dopo alcuni anni si usurano, in questo caso, col tempo diventerà sempre più importante e continuerà a trasmettere un importante messaggio di soccorso e Misericordia.
Anche il Sindaco di Minucciano Nicola Poli, ha voluto esprimere la sua gioia nel vedere realizzata una opera così importante e bella, proprio nel centro del paese di Gorfigliano ove un tempo sorgeva la ex scuola elementare, oggi completamente restaurata e sede della Misericordia, cuore pulsante della vita quotidiana di questo piccolo paese dell’Alta Garfagnana.
Visibilmente emozionato e soddisfatto il maestro Del Sarto, che ha raccontato come è nato questo grande affresco, descrivendo nel dettaglio tutte le scene, una rappresentazione in chiave moderna delle Opere di Misericordia attualizzate in un soccorso con ambulanza. Ha voluto ricordare anche il forte messaggio trasmesso dal giovane Fabio, che pur costretto su una sedia a rotelle, ogni giorno, è presente in Sede riuscendo a dare un grande aiuto agli altri, un vero esempio per tutti! Del Sarto ha ricordato come in questi mesi, durante i quali ha lavorato a Gorfigliano si sia sentito veramente a casa, e di come gli sia venuto spontaneo rappresentare una scena così complessa ed articolata, all’interno della quale ha poi realizzato il suo autoritratto nell’autista che si vede a bordo dell’ambulanza e che è in contatto telefonico con la centrale del 118 per far arrivare il Pegaso. Una scelta perfetta visto che Franco Del Sarto da ben 43 anni è volontario in Misericordia a Pescia dove risiede, e dunque egli stesso, non poteva mancare in questo suo straordinario racconto pittorico in affresco che resterà per sempre nella storia di Gorfigliano.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.