Settore alimentare verso lo sciopero per il contratto

Sabato (Fai Cisl): "Atteggiamento ingiustificato dalla parte datoriale, prima agitazione a ottobre"

Più informazioni su

Dopo 11 mesi di trattative Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil hanno rinnovato il contratto dell’industria alimentare con le associazioni datoriali Unionfood, Ancit e AssoBirra. E le altre? Ancora assenti ingiustificate.

“Purtroppo ancora tante, troppe realtà nel settore alimentare stanno facendo orecchie da mercante circa l’applicazione del nuovo contratto di lavoro, che assicurerebbe ai dipendenti un piccolo scatto nello stipendio ma, soprattutto, più tutele – premette Amedeo Sabato, responsabile territoriale Fai Cisl Toscana Nord –  Un esempio è il silenzio assordante della Manifattura Tabacchi che a Lucca conta 230 dipendenti, e che non ha ancora aderito al contratto. Il contratto è uno e unico per tutto il settore, i lavoratori non possono pagare le contraddizioni del mondo imprenditoriale. L’intenzione, se non ci sarà uno sblocco a breve, è quello di dar vita a azioni di lotta sindacale con blocco delle flessibilità, degli straordinari e delle prestazioni aggiuntive”.

“Proclameremo anche un primo pacchetto di quattro ore di sciopero a partire dal 9 ottobre con modalità diverse per ogni territorio. Il settore alimentare in genere, compresa la Manifattura Tabacchi di Lucca – sottolinea il segretario regionale Fai Cisl Toscana Nord – non ha accusato particolari ripercussioni dal periodo del lockdown. Anzi, a seconda dei settori, sono stati registrati dei picchi di vendite a seguito della corsa agli accaparramenti nei supermercati. Questa rigidità dunque non trova alcun tipo di giustificazione ed è per questo che siamo determinati ad andare avanti se non ci saranno velocemente ripensamenti delle attività del settore che purtroppo risultano ancora ‘latitanti’ circa l’adesione al nuovo contratto di lavoro”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.