Quantcast

Lapideo, l’appello del sindacato: “Occorre fermare la produzione”

Preoccupazione per la possibile diffusione del contagio da coronavirus e per la sicurezza dei lavoratori

“In un momento di gravissima emergenza come quello che stiamo vivendo per combattere la diffusione del coronavirus, il settore del lapideo, dal monte al piano passando per i trasporti, non può fare alcuna eccezione. Si deve fermare per un paio di settimane. Non sarà certo una tragedia bloccare la produzione per qualche giorno visti i fatturati che hanno le aziende del marmo”. Un appello che lancia il responsabile della Feneal Uil nord Toscana, Daniele Marsili, e che riguarda l’area della Lucchesia, compresa la Versilia.

“È il momento per il paese – dice Marsili – di mostrarsi tutto unito e il governo ci sta dando anche gli strumenti per poter affrontare con una certa serenità anche un eventuale periodo di stop, grazie a un’iniezione straordinaria di fondi destinati alla cassa integrazione e al sostegno al reddito, pure delle imprese. È il momento della coesione, certo non quello degli scioperi, ma il lapideo non può continuare a muoversi in ritardo nella gestione del virus solo per motivi economici e imprenditoriali. E anche la politica deve fare la sua parte”.

“Alla luce delle disposizioni contenute nei decreti del presidente del consiglio – prosegue Marsili – noi chiediamo che venga fermata per un paio di settimane l’attività. Il contagio continua a diffondersi senza sosta e non possiamo pensare di continuare a lavorare nelle cave, nei trasporti, nelle aziende al piano oltretutto senza che tutte le aziende abbiano una necessaria rifornitura di dispositivi di protezione individuale, come mascherine idonee a bloccare il virus. Il risultato d’altronde sarebbe scontato se un lavoratore dovesse risultare positivo: l’azienda sarebbe costretta a fermarsi mettendo tutti i colleghi in quarantena, così come gli imprenditori, altri lavoratori venuti in contatto con il personale e tutte le loro famiglie. È il momento di prevenire perché la cura potrebbe essere ben peggiore”.

L’appello di Marsili vuole avere un occhio di riguardo anche alla gestione dell’emergenza sotto il profilo sanitario: “Gli ospedali rischiano il collasso nel giro di pochi giorni, i posti letto scarseggiano, le terapie intensive continuano a riempirsi di persone. Riusciamo a pensare che cosa succederebbe se non volendo dovesse pure capitare un infortunio in cava? Andremmo solo a stressare e mettere in ginocchio ulteriormente la nostra sanità che già è in pesante affanno. Quindi fermiamoci, per qualche giorno, per il bene del paese. Così potremo ripartire con più slancio e più sereni nel giro di un paio di settimane. E se supereremo questa emergenza sarà soprattutto grazie a tutti i lavoratori della sanità che stanno facendo una vera impresa per fermare il coronavirus”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.