Firmata la convenzione per contrastare le violenze sul posto di lavoro, Mazzoni: “Un bel passo avanti”

La presidente della Commissione pari opportunità della Provincia di Lucca: "Accogliamo sempre tutte le segnalazioni che arrivano, continuando a monitorare il territorio"

La problematica della violenza sul posto di lavoro appare ai più una “violenza marginale”, ritenendola erroneamente “una violenza che riguarda solo poche lavoratrici”, invece se prendiamo a riferimento i dati Istat pubblicati anche dalla Provincia di Lucca, emerge che le donne che hanno subito molestie o ricatti sul posto di lavoro nel corso della loro vita lavorativa sono un milione 404 mila. Queste rappresentano l’8.9% delle donne lavoratrici attuali o passate, incluse le donne in cerca di occupazione.

Questo quanto ha spiegato Paola Mazzoni, presidente della Commissione provinciale pari opportunità: “Per contrastare questa forma di violenza – prosegue – lo stato con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge numero 4 del 15 gennaio scorso si è data ratifica ed esecuzione della convenzione dell’organizzazione internazionale del lavoro 190 sull’eliminazione della violenza e delle molestie sul luogo di lavoro, adottata a Ginevra il 21 giugno 2019 nel corso della 108esima sessione della Conferenza generale della medesima organizzazione”.

“La convenzione – spiega – ha l’obiettivo della protezione di ogni lavoratore di qualsiasi tipologia-settore e il contrasto alla violenza di genere, che si verifichi ‘in occasione di lavoro, in connessione con il lavoro o che scaturiscano dal lavoro’. I contenuti più significativi della convezione che si applica a tutti i settori sia pubblici che privati, si riferiscono principalmente (art .4) alla violenza e alle molestie di genere nel mondo del lavoro, ovvero tutti quei comportamenti inaccettabili che possano causare un danno fisico, psicologico, sessuale o economico. Con l’articolo 8, invece, si chiede ‘a ciascun membro di assumere misure adeguate atte a prevenire la violenza e le molestie nel mondo di lavoro'”.

“Questo – conclude Mazzoni – è sicuramente un passo in avanti per contrastare le discriminazioni sul posto di lavoro che troppo spesso vengono taciute per paura di perderlo, ed è per questo che la commissione provinciale pari opportunità accoglie sempre con favore tutte le segnalazioni che arrivano continuando a monitorare le situazioni del territorio, ribadendo l’impegno al contrasto nei confronti di qualunque tipo di violenza”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.