Quantcast

Cave, Stella e Marchetti (FI): “Piano va rifatto”

Più informazioni su

Marco Stella, vice-presidente del Consiglio regionale della Toscana (FI) e il capogruppo di Forza Italia all’assemblea regionale, Maurizio Marchetti, riguardo al nuovo Piano regionale Cave, approvato lunedì scorso (18 febbraio), dalla Giunta presieduta da Enrico Rossi, contestandone le criticità, che già gli imprenditori avevano messo in luce e di cui non è stato tenuto conto, chiedono che sia riscritto così da poterne superare gli elementi negativi che rischiano di penalizzare un settore di ormai grande importanza in Toscana.

“Il Piano Cave della Regione Toscana è da rifare, così come è stato concepito non va bene, contiene criticità che gli imprenditori avevano già messo in rilievo ma di cui non si è tenuto conto in fase operativa. Serve una concertazione tra aziende, sindacati e istituzioni, per arrivare a riscrivere il piano e superare gli elementi negativi, che altrimenti penalizzeranno un settore che porta ricchezza e lavoro in un’area importante della Toscana – dicono Marco Stella e Maurizio Marchetti (FI) -. Stabilire percentuali generali di residui è un errore, in quanto non si tiene conto della natura differente di ogni cava. Questa norma, tra l’altro, contrasta in modo radicale con l’imposizione di piani rigidi di coltivazione. È una contraddizione segnalata dalle aziende, questa: il piano cave chiede di far minori residui e poi obbliga di fatto a farne di più. La politica deve dare una risposta seria e celere. Si sta parlando di un settore che in provincia di Massa Carrara vuol dire il 24 per cento del Pil, un miliardo di fatturato, 8mila occupati e oltre 600 milioni all’anno per le imprese dell’indotto”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.