Quantcast

Valle del Serchio Alternativa: “Sparito obbligo di green pass al Cup, la Asl si prenda le sue responsabilità”

Il movimento aveva denunciato il caso nei giorni scorsi

“Dopo la nostra denuncia è sparito l’obbligo di green pass per accedere al Cup dell’ospedale di Castelnuovo Garfagnana”. Così il movimento Valle del Serchio Alternativa continua la lotta contro la certificazione verde.

Valle del Serchio Alternativa: “Al Cup si impedisce l’accesso a chi non ha il green pass, è una richiesta illegittima”

 

“Obbligatorio fino a sabato scorso, da lunedì mattina il green pass non è più richiesto per accedere al Cup. Cosa è successo nel frattempo? È successo che è uscita la nostra denuncia sulla totale illegittimità della richiesta del certificato verde. Evidentemente la nostra azione è servita – sottolinea il movimento -. Qualche giorno fa abbiamo infatti denunciato l’applicazione illegale del green pass al Cup del capoluogo garfagnino, chiedendo all’Asl di porre fine a quell’abuso, di ripristinare correttamente il servizio e di chiedere scusa a tutti i cittadini vergognosamente discriminati. Adesso quell’abuso è cessato e come Valle del Serchio Alternativa ci rallegriamo senz’altro di questa piccola vittoria. Piccola, perché risolve solo un aspetto minore dell’enorme attacco alle libertà e ai diritti del nazistoide green pass, ma pur sempre una vittoria contro l’arbitrio di poteri pubblici irresponsabili. Poteri che dicono di agire per quella salute pubblica che hanno distrutto in decenni di tagli e privatizzazioni. Poteri che oggi vorrebbero rifarsi una verginità scatenando la caccia alle streghe contro chi non si piega ai loro ordini”.

“Beccata nuovamente in fallo, l’Asl si nasconde ora dietro la linea del silenzio. Comprendiamo la difficoltà della dirigenza, certamente la totale mancanza di argomenti, ma questo comportamento è inaccettabile ed offensivo dell’intelligenza delle persone. Si riconosce di fatto la giustezza della nostra denuncia, ma non si proferisce parola su quanto avvenuto fino a sabato – conclude il movimento -. Perché la dirigenza, certamente ben retribuita e solitamente piuttosto loquace, non si prende invece le sue responsabilità? Perché non riconosce quantomeno i suoi errori? Forse se ne vergogna? Beh, fosse così sarebbe già un passo avanti. È troppo facile agire in questo modo. Facile ma non tollerabile, e i cittadini lo sapranno giudicare da soli. Il movimento Valle del Serchio Alternativa, nel chiamare alla partecipazione alle manifestazioni contro la tessera verde (la prossima sarà sabato a Viareggio), invita tutti coloro che subiscono discriminazioni e soprusi di qualunque tipo a segnalarcelo. La nostra lotta non si fermerà fino alla vittoria”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.