Quantcast

Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, in arrivo 3 milioni per i beni culturali foto

Sono destinati alla realizzazione di 49 interventi distribuiti in tutta la provincia

In arrivo 3 milioni di euro sul territorio della provincia di Lucca per il recupero di beni culturali. A tanto ammontano infatti le risorse che la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca ha destinato alla realizzazione di 49 interventi individuati grazie al bando beni culturali 2021-2023, storico strumento con cui l’ente negli anni ha sostenuto moltissimi progetti di recupero, restauro e manutenzione.

Una pioggia di contributi distribuiti in maniera capillare in tutte le zone della provincia. Nell’area della città di Lucca e della piana, ad esempio, si va dagli attesi lavori alla chiesa di Sant’Anna al restauro di dipinti in San Michele ad Antraccoli, dall’intervento sulla cupola di San Lorenzo a Segromigno in Monte alla riqualificazione della ex chiesina di San Concordio a Rimortoli, fino alla sistemazione del giardino di fratel Arturo Paoli a San Martino in Vignale e alla manutenzione della casermetta di porta San Pietro sulle mura urbane di Lucca.

Numerose risorse sono state destinate anche agli edifici religiosi della Valle del Serchio: importanti lavori alla copertura della bellissima pieve di Loppia, a due passi da Barga, all’altare della chiesa di San Martino di Sillicagnana (San Romano) e alla torre campanaria di pieve San Lorenzo (Minucciano), per citarne alcuni. Ma non solo, l’amministrazione provinciale potrà infatti completare il restauro delle mura della fortezza di Mont’Alfonso; a Barga va invece un contributo per la riqualificazione del teatro Giovanni Pascoli e a Castelnuovo le risorse serviranno ai lavori di adeguamento impiantistico del teatro Alfieri.

Anche in Versilia molti i progetti riguardanti edifici religiosi, come la chiesa di San Rocco a Mulina, nel comune di Stazzema, la chiesa di Sant’Agostino a Pietrasanta o il complesso parrocchiale di Santa Maria Assunta a Stiava, vicino a Massarosa, solo per ricordare i più significativi. A Viareggio sarà invece possibile realizzare importanti lavori alla Villa Paolina oltre che portare avanti un restauro conservativo, molto atteso, della sede storica della Misericordia cittadina. Anche la Fondazione Carnevale si vede riconosciuto un contributo fondamentale per il nuovo allestimento del museo del carnevale.

Risorse importanti che arrivano grazie ad un bando storico col quale da anni la fondazione riesce a sondare le priorità del territorio cercando di supportare tutte le realtà della provincia nel tradurre le proprie esigenze in concrete progettualità. Cantieri che restituiscono alla comunità e alla fruibilità di cittadini e visitatori edifici dal grande valore storico e religioso, o comunque beni culturali in senso più ampio, sempre nella prospettiva che il restauro sia funzionale ad una vita futura del bene, che diventa così elemento attivo della vita culturale, religiosa e civile di una comunità.

L’elenco completo dei progetti sostenuti dal bando è disponibile sul sito

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.