Quantcast

Aperta anche nel weekend di ferragosto la mostra ‘La nuova Barga’ foto

L’esposizione è aperta giovedì e venerdì dalle 16 alle 19, sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19 a ingresso libero

La mostra La nuova Barga: architettura e arti decorative tra liberty e stile eclettico (1900-1935) rimarrà aperta a ingresso libero nella sede della Fondazione Ricci in via Roma 20 anche nel fine settimana di ferragosto.

“Tra gli inizi e gli anni Trenta del Novecento – spiega l’architetta Cristiana Ricci, presidente della Fondazione Ricci – sorgono moltissime nuove dimore a Barga, che dovevano apparire a quel tempo ricche sia nella proposta progettuale che nelle caratteristiche costruttive, sia per le decorazioni e apparati architettonici e pittorici ad affresco o a graffito. Il tipo di architettura prescelto per queste residenze è agli inizi del Novecento quella del palazzo che utilizza un linguaggio finto ‘modernista’, ma che in parte ricalca e ripropone gli stilemi di una architettura ottocentesca con partiture classiche, in seguito soppiantato quasi del tutto da quello del villino e della villa che propone a Barga il nuovo linguaggio Liberty e Déco solo a partire dagli anni Venti”.

“Dove è ancora visibile, lo stile Liberty si riconosce in genere nei prospetti principali che presentano interessanti fasce decorate improntate allo stile floreale, più rare quelle ceramiche. Segni distintivi e riconoscibili negli esterni sono i portici, i balconi e le terrazze con le balaustre e le ringhiere di ferro battuto o le mensole generalmente lignee che sorreggono lo sporto del tetto – prosegue -. Approssimandosi agli anni Trenta sorgono numerose costruzioni di tipo neo eclettico, spesso turrite, che esulano da qualsiasi inquadramento tipologico precostituito e che ben si inseriscono e connotano nello spazio esterno al centro storico riproponendo in qualche modo il rapporto medievale tra città e campagna. Gli interni, invece, suscitano meraviglia”.

“Ma la vera forza del Liberty a Barga si trova negli spazi domestici, all’interno delle mura, dove la famiglia vive una stagione irripetibile per la bellezza dei decori parietali, spesso con chiari riferimenti simbolici, con nuovi spazi acquisiti, come i salotti per ricevere, con finiture di lusso e i portici esterni. Tutto parla allo spettatore e al passante delle ricchezze economiche che hanno potuto generare benessere di cui ora la famiglia si circonda dopo tanti sacrifici – spiega ancora Ricci -. Ogni particolare dell’interno è voluto dal committente e realizzato anche dal progettista con scelte precise e studiate: dagli infissi di legno pregiato appositamente realizzati da ebanisti con cristalli molati e colorati e spesso con le iniziali del capofamiglia serigrafate; ai pavimenti che sembrano tappeti utilizzando le nuove marmette o cementine dai decori policromi improntati dai disegni vegetali o geometrici, o in marmo pregiato; alle scale in pietra e/o in marmo con corrimano di legno realizzati a mano e ringhiere di ferro battuto personalizzate; ai magnifici e multipli lampadari a luce elettrica, per non parlare del mobilio sia nello spazio a giorno quanto nel reparto notturno”.

L’esposizione è aperta giovedì e venerdì dalle 16 alle 19, sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19 a ingresso libero.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.