Quantcast

Un’altra famiglia di profughi afghani accolta in Valle del Serchio

Il nucleo è stato ospitato in un appartamento nel comune di Bagni di Lucca

La solidarietà colpisce ancora in Valle del Serchio, dove c’è stata anche una risposta alla sua chiamata.

Questa volta a dimostrarsi disponibile e solidale è stato il Comune di Bagni di Lucca che ha deciso di accogliere una famiglia fuggita da Kabul – la seconda che viene ospitata in Valle del Serchio. La famiglia in questione, formata da padre, madre e 4 figli tutti in tenera età, è stata accolta dalla Cooperativa solidarietà e sviluppo di Bagni di Lucca, guidata dal presidente Alessandro Ghionzoli, che, in coordinamento con il sindaco Paolo Michelini, la Prefettura di Lucca e attraverso l’impegno del dottor Michele Capozza e dei carabinieri della Valle del Serchio, si è resa disponibile ed è andata a prendere la famiglia in un albergo a Montecatini per trasferirli nel Comune di Bagni di Lucca in un appartamento messo a disposizione da un privato.

La Prefettura di Lucca, in accordo con la cooperativa, rivolge un appello ai privati perché mettano a disposizione appartamenti preferibilmente nei centri abitati dove ospitare le tante famiglie che sono fuggite da Kabul, Herat e da tutto l’Afghanistan.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.