Quantcast

Prato e Pisa accolgono 15 cani della struttura sequestrata a Molazzana foto

Gli animali prima verranno curati, poi dati in adozione

Prato e Pisa accolgono in tutto 15 cani del canile di Molazzana sequestrato dai carabinieri forestali a maggio.

A Prato sono arrivati da pochi giorni, impauriti e con piaghe infette per la rogna e l’incuria: per loro subito un posto adeguato e pulito, cure veterinarie e cibo, in attesa di un’adozione

Sono arrivati così al canile comunale del Rifugio 10 dei 71 cani – all’inizio erano 61 ma nel frattempo sono nate due cucciolate – provenienti dalla struttura abusiva sequestrata a maggio dai carabinieri forestali a Molazzana, piccolo Comune della Garfagnana con poco più di mill abitanti, che si è trovato ad affrontare un problema a cui non poteva rispondere contando sulle proprie forze economiche: il proprietario degli animali (alcuni hanno chip, altri no) è stato denunciato penalmente, ma essendo nullatenente la giurisprudenza in materia in caso di impossibilità economica del privato dispone l’assunzione delle spese in carico all’ente pubblico comunale.

Da qui la richiesta di aiuto del sindaco Andrea Talani al presidente di Anci Toscana Matteo Biffoni, che si è subito attivato lanciando un appello ai Comuni per accogliere gli amici a quattro zampe dandogli un posto adeguato in cui stare. La risposta non si è fatta attendere e i cani sono stati divisi tra Firenze, Pisa, Livorno, Grosseto, Arezzo e Prato: alcuni di loro sono ricoverati in cliniche veterinarie per le sverminazioni e curare soprattutto ferite e piaghe provocate dalla rogna.

Stamani il sindaco Matteo Biffoni e l’assessore ai diritti degli animali e Città curata Cristina Sanzò si sono recati in visita al canile comunale Il Rifugio per vedere i nuovi arrivati.

“Questo è un esempio tipico di come gli enti locali si muovano in aiuto di un altro ente locale gravato da un problema imprevedibile e che non può risolvere da solo e lo fanno per buona volontà, non per obbligo – ha spiegato il sindaco Matteo Biffoni – Si è creato un corto circuito tra le competenze e le normative in cui le prime e indifese vittime sono questi cani sfortunati, sarebbe necessario per questo un intervento di livello superiore, regionale o statale, per risolvere situazioni come questa. Il Comune di Prato è potuto intervenire grazie al grande lavoro fatto dall’assessorato alla Città curata e da tutto il personale del canile del Rifugio, che ogni giorno fornisce cure e cibo a questi animali”.

“Ci siamo attivati subito per raccogliere l’appello del sindaco di Molazzana e del presidente di Anci Toscana Matteo Biffoni – ha aggiunto l’assessore Cristina Sanzò – Un gesto di civiltà reso possibile anche grazie al grande lavoro che quotidianamente svolge la struttura del Rifugio, con la sua rete di volontari. Adesso i cani hanno un posto adeguato in cui stare ed essere curati ed aspettano una famiglia che li adotti. Invitiamo quindi i pratesi a fare una passeggiata al Calice per venirli a conoscere”.

A questo proposito dall’inizio dell’anno sono già stati adottati 50 cani, di cui 14 solo tra luglio e agosto, come sottolinea la presidente dell’associazione Onlus Qua La Zampa Patrizia Nocerino che gestisce Il Rifugio, un numero che permette di tenere costante quello degli ospiti, circa 50.

Anche il Comune di Pisa ha aderito all’appello del Comune di Molazzana e ha presto cinque cani in custodia al canile rifugio “Soffio di vento” di Ospedaletto. Si tratta di due femmine, Kenya e Anuk, e tre maschi, NairobiKing e Vegas. Tutti meticci, di taglia medio piccola. Al momento sono in osservazione sanitaria e, dopo le cure e le vaccinazioni previste per legge, sarà possibile adottarli.
Kenya, bianca e nera è una meticcia del 2019 mentre Anuk, nera, è del 2021; Nairobi è un meticcio nero focato del 2021, King è meticcio fulvo del 2017 e Vegas è un meticcio nero focato del 2021
 
“Abbiamo ritenuto bello e importante – spiega l’assessore all’ambiente con delega anche alla protezione e benessere degli animali, Filippo Bedini – aderire all’appello del sindaco di Molazzana e ospitare nel nostro canile cinque dei cani oggetto del sequestro. Adesso sono presi in carico dalla nostra struttura, che sta provvedendo a tutte le verifiche sanitarie del caso e poi, una volta ultimate, sarà possibile procedere anche per loro con le adozioni che, per fortuna, quest’anno stanno registrando numeri significativi. Rinnovo pertanto l’appello a visitare il canile Soffio di vento e a pensare seriamente all’adozione di un cane, tanto più adesso che anche cinque nuovi amici “garfagnini” cercano casa dalle nostre parti”.
Nel 2020, anno del Covid, le adozioni tramite il canile Soffio di vento erano state appena 32, mentre dall’inizio di quest’anno sono già 34 e altre 3 sono in programma nei prossimi giorni. Al momento si trovano custoditi al canile in totale 40 cani, ed è possibile visitare la struttura per chiedere informazioni nei giorni di lunedì e venerdì (orario 8-11), mercoledì e giovedì (14-17) e sabato (14-17). Per prenotazioni e informazioni si può chiamare il 346.9491412.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.