Quantcast

Covid: il governo studia un piano per i vaccini ai giovani e ai no vax

Il generale Figliuolo: "L'Italia è terza nel mondo per somministrazioni alle persone di età compresa tra i 12 e i 18 anni"

Il governo studia un piano per vaccinare giovani e no vax. I primi per mettere in sicurezza il mondo della scuola, che ripartirà in presenza, poi lo zoccolo duro dei no vax, da convincere per raggiungere l’immunità di massa e scongiurare un aumento dei ricoveri e dei decessi.

“Nella fascia dei giovani stiamo già andando bene –  afferma il generale Francesco Paolo Figliuolo – visto che, da un recente rilevamento effettuato dal Financial Times, è emerso che l’Italia è terza nel mondo per vaccinazioni ai giovani di età compresa tra i 12 e i 18 anni. Anche in questo periodo, maggiormente dedicato alle vacanze, la propensione alla vaccinazione tra i giovani è rimasta alta. È proprio nella classe tra i 12 e i 29 anni che stiamo registrando il maggior numero di prime somministrazioni”.

Il green pass obbligatorio per entrare in ristoranti, musei, palestre e eventi, è sicuramente in imput alla vaccinazione: la certificazione verde obbligatoria ha convinto molte persone a vaccinarsi. Resta, è il parere del governo, lo zoccolo duro dei diffidenti e dei no vax da convincere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.