Quantcast

Qualità dell’abitare, presentato e inviato al Ministero il progetto da 15 milioni della Valle

Tra i candidati al bando nazionale della Toscana anche "C.a.s.c.i.n.a." e "Nuove Ca.se"

Si chiama Abitare la Valle del Serchio ed è tra i tre progetti toscani candidati a ricevere il finanziamento nazionale previsto dal Pinqua, il programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare. Il progetto è stato spiegato e illustrato questa mattina (14 luglio) nel corso di un evento pubblico che si è svolto al teatro della Compagnia di Firenze e al quale hanno partecipato gli assessori Stefano Baccelli e Serena Spinelli, i rappresentanti istituzionali dei vari comuni protagonisti dei progetti candidati.

Qualità del’abitare, la Regione sceglie il progetto da 15 milioni della Valle del Serchio: verrà presentato al bando nazionale

Valle, presentati 39 progetti da 15 milioni di euro per migliorare la qualità dell’abitare

Nel corso dell’incontro è intervenuto anche il presidente della Regione Eugenio Giani. “La rigenerazione urbana- ha detto il presidente Eugenio Giani – è una strada maestra che vogliamo percorrere e su cui vogliamo convogliare successivi finanziamenti. Tutti i progetti, non solo quelli che hanno vinto e che presentiamo oggi, avevano tutte caratteristiche che vanno in una delle direzioni che ci stanno più a cuore, quella della Toscana diffusa. La rigenerazione urbana- aggiunge Giani- è un modello per il nostro impegno futuro”.

Come detto, la giunta regionale ha approvato le proposte progettuali della Regione Toscana, in qualità di soggetto aggregatore di strategie di intervento coordinate con i Comuni. I progetti sono stati inviati al ministero per le infrastrutture e i trasporti per accedere ai finanziamenti.

Il progetto Abitare la Valle del Serchio riferito agli ambiti territoriali dei comuni di Bagni di Lucca, Barga, Borgo a Mozzano, Camporgiano, Careggine, Castelnuovo di Garfagnana, Castiglione di Garfagnana, Coreglia Antelminelli, Fabbriche di Vergemoli, Gallicano, Minucciano, Molazzana, Pescaglia, Piazza al Serchio, Pieve Fosciana, San Romano in Garfagnana, Sillano Giuncugnano, Villa Collemandina.

“Sono i progetti che hanno superato positivamente la selezione regionale- spiega l’assessore al governo del territorio Stefano Baccelli– e quindi vogliamo valorizzarli perché abbiano il risultato che auspichiamo. Noi abbiamo svolto la nostra funzione da soggetto aggregatore delle proposte dei Comuni e quindi li consideriamo dei progetti di grande pregio. Per dare un ulteriore segnale della nostra volontà di valorizazzione di questo indirizzo, insieme al presidente dell’Anci abbiamo scritto una lettera a tutti i sindaci della Toscana per costituire un parco progetti e anche i bandi successivi per i comuni delle aree interne sono rivolti esattamente a questo, perché ritengo che una delle partite cruciali rispetto al buon utilizzo delle risorse del Next generation Eu, oggi Pnrr, sia proprio la riqualificazione urbana. Nel secondo dopoguerra dovevamo ricostruire il Paese- prosegue ancora Baccelli- , ora abbiamo un obiettivo per certi versi anche più complicato perché si tratta di rigenerarlo, riqualificarlo. Tutto questo non può che partire dalle idee che le amministrazioni comunali che hanno il governo del territorio propongono rispetto alle nuove funzioni, alla linfa vitale rispetto all’idea di sviluppo, mobilità, residenza, sviluppo turistico e economico. Quindi partire dalle idee è il passaggio corretto, la strada maestra. Noi vogliamo valorizzare tutto questo per attrarre queste risorse per contribuire a rendere ancora più bella questa splendida regione”.

Dai Comuni con meno di 60.000 abitanti, sono giunte 16 proposte che hanno costituito la base per elaborare i progetti per i quali presentare la domanda di finanziamento, premiando in particolare i concetti di ‘consumo zero’ di nuovo suolo, sostenibilità ambientale, compartecipazione di soggetti pubblici, privati e sociali a più livelli. Le proposte dovranno passare il vaglio della Commissione nazionale per valutare l’assegnazione di finanziamenti fino a 15.000.000 di euro per progetto. La Toscana ha dunque concorso per un totale di 45 milioni di euro di risorse.

“Mai come in questa fase abbiamo avuto l’evidenza di quanto il concetto di abitare, del suo diritto e al tempo stesso della sua qualità, sia fondamentale e di quanto sia connesso al concetto di aggregazione e inclusione sociale – spiega l’assessore alle politiche abitative Serena Spinelli – . Come Regione crediamo molto in questo strumento di rigenerazione urbana dei nostri centri e di riqualificazione di aree territoriali, ma soprattutto in un recupero che favorisca nei luoghi dell’abitare la creazione di nuovi spazi sociali e di comunità. Queste sono le tre progettazioni che la Regione, come soggetto aggregatore, ha inviato al Ministero, insieme a questi ci sono tutti gli altri progetti che hanno partecipato e che adesso vanno a far parte di un “parco progetti” regionale per la rigenerazione urbana. Ci auguriamo, insieme alle risorse che arriveranno dal Pnrr e da altre fonti di finanziamento, di poterci dotare di una serie di interventi abitativi innovativi e sostenibili, che siano in grado di recuperare luoghi per le nostre città e per le nostre aree interne”.

L’idea progettuale di Abitare la Valle del Serchio promuove processi di valorizzazione del patrimonio destinato all’edilizia residenziale sociale, la rifunzionalizzazione di aree pubbliche e la rigenerazione di spazi destinati ai servizi, localizzati in diciotto comuni della Valle del Serchio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.