Quantcast

Non arrivano al rifugio e scatta l’allarme: due escursionisti recuperati dal Sast sul Corchia

Per orientarsi si erano affidati di un'app sul cellulare e si sono ritrovati un una zona impervia

La Stazione di Querceta del Soccorso alpino e speleologico toscano è intervenuta nella notte di lunedì nella zona del Monte Corchia. L’allarme è giunto dal rifugista del Del Freo, che attendeva due escursionisti partiti dal Rifugio Nello Conti e diretti alla Foce di Mosceta.

I due ragazzi, originari della Spezia, per orientarsi hanno fatto affidamento ad una app sul telefono. In difficoltà nella ricerca della traccia del sentiero, dopo Fociomboli si sono divisi e uno di loro si è ritrovato in una zona impervia sulla parete nord del Monte Corchia. I soccorritori li hanno raggiunti e portati a Levigliani, dove hanno trovato ospitalità per la notte all’albergo Vallechiara.

Il Soccorso Alpino ricorda sempre di portare con sé una mappa cartacea e soprattutto una pila frontale. Questi due strumenti, anche se disponibili sugli smartphone (app e torcia), non possono mancare in fondo allo zaino di un escursionista, indipendentemente dal tragitto che si intende affrontare. È bene tenere disponibile il telefono solo per le comunicazioni e preservarne così la durata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.