I contagi non si fermano: la Toscana torna in zona arancione dopo 5 settimane

Intanto è stata decisa la proroga agli spostamenti tra Regioni fino al 25 febbraio

Dopo 5 settimane la Toscana torna in zona arancione, insieme alla Provincia di Trento, all’Abruzzo e alla Liguria. E nonostante gli appelli arrivati dalle categorie l’ordinanza di passaggio di colore entrerà in vigore da domenica (14 febbraio), giorno di San Valentino.

La decisione, che sarà formalizzata in serata in una specifica ordinanza del ministero della salute, è il risultato dell’analisi sull’indice Rt che ha visto da giorni un graduale peggioramento in conseguenza di un costante aumento di casi giornalieri e ricoveri.

Così, dopo oltre un mese, la Toscana cambia di nuovo colore, tornando nella fascia a rischio più sensibile. Questo a pochi giorni dalla scoperta di un focolaio di variante del virus a Chiusi, in provincia di Siena, comune dove era già scattata la zona rossa.

Dissipati i dubbi sull’entrata in vigore del cambiamento di colore – e quindi dell’aggravamento delle misure di prevenzione del contagio che scatterà a partire dal giorno di San Valentino – il consiglio dei ministri uscente ha prorogato fino al prossimo 25 febbraio (e non al 5 marzo come in un primo momento era stato ventilato) lo stop agli spostamenti tra Regioni.

Come ormai noto, in zona arancione sono vietati gli spostamenti salvo quelli nel comune di residenza e non è possibile uscire di casa dalle 22 alle 5, salvo che per motivi di lavoro, salute e necessità comprovate.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.