Coronavirus, la Toscana resta zona gialla per un’altra settimana

Preoccupano le varianti del virus: alcuni casi sotto osservazione a Chiusi

I contagi sono in aumento da qualche giorno, ma la Toscana resterà zona gialla per un’altra settimana. Lo ha annunciato il presidente Eugenio Giani dopo essersi sentito con il ministro Roberto Speranza. Preoccupano, comunque, alcuni casi di varianti al virus che sono state riscontrate al confine con l’Umbria, nel comune di Chiusi ma la situazione per il momento sarebbe sotto controllo.

“Resteremo per la quinta settimana consecutiva in zona gialla, una bella notizia per tutti noi – afferma Giani -. Un risultato che dimostra la responsabilità e gli sforzi fatti in queste settimane, ma non abbassiamo la guardia. Senza distanziamento, mascherine sempre indossate e igiene delle mani, i contagi potrebbero portarci dal 15 febbraio in zona arancione. Come Regione siamo impegnati al massimo per la campagna di vaccinazione”.

“Varianti al virus più aggressive e di rapida trasmissione sono state registrate al confine con la regione Umbria, nel comune di Chiusi – prosegue Giani -. Con il sindaco Juri Bettollini abbiamo concordato, in modo preventivo e precauzionale, le misure della zona rossa per una settimana all’interno del territorio municipale da domenica 7 al 14 febbraio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.