Dietrofront della scuola Matteo Trenta: resta aperta, ma non saranno garantite lezioni e trasporto

Inizialmente, a causa di uno sciopero, il dirigente aveva decretato la chiusura del plesso per due giorni: poi è arrivata la rettifica

Dopo la prima campanella di pochissimi giorni fa, precisamente il 14 settembre, gli studenti di Bagni di Lucca sono costretti ad uno stop alle lezioni. I disagi in vista sono alla scuola secondaria Matteo Trenta: il dirigente scolastico Francesco Feola, infatti, in mattinata ha decretato la chiusura del plesso per domani e venerdì (24 e 25 settembre).

Il motivo? Lo sciopero da parte dei sindacati Usn, Unicobaa, Cobas e Cub. Due giornate di sciopero che avrebbero portato nella scuola un solo insegnante in servizio, che non può garantire un’adeguata sorveglianza anche alla luce delle restrizioni imposte dall’emergenza Covid-19.

In tarda mattinata è poi arrivata la rettifica con dietrofront: la scuola resterà aperta, ma non sarà garantito il regolare svolgimento delle lezioni nei giorni del 24 e del 25 settembre. L’orario sarà 8,30–10,30 e  pertanto non sarà garantito neanche il trasporto in uscita. Sarà garantita esclusivamente la stretta sorveglianza.

L’attività didattica del paese termale sembra non avere tregua: dopo la chiusura delle scuole di Fornoli per l’incendio e quella del 21 e 22 settembre a causa dei seggi elettorali, adesso lo sciopero.

Le lezioni riprenderanno regolarmente lunedì (28 settembre).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.