Fiamme all’ex Alce di Fornoli. I sindaci di Bagni e Borgo: “Chiudete le finestre” foto

Un denso fumo si è sollevato nella tarda mattinata di oggi dallo stabilimento. Al vaglio le cause

Una azienda che per anni ha fatto discutere la Valle e ha diviso Bagni di Lucca. Oggi dopo tanto silenzio si è tornati a parlarne, per un pauroso rogo scoppiato all’interno dell’azienda dismessa.

fumo nero ex Alce Fornoli incendio

C’è stata grande preoccupazione a Bagni di Lucca e dintorni per un fumo denso che si è sollevato nella tarda mattinata di oggi (15 settembre) dall’ex Alce nell’abitato di Fornoli a seguito di un incendio nell’azienda in dismissione specializzata nella lavorazione del legno. La colonna di fumo scuro era visibile a diversi chilometri di distanza in mattina.

Ancora tutte da chiarire le cause. Intanto il Comune di Bagni di Lucca invita tutti gli abitanti di Fornoli a tenere le finestre chiuse. All’invito ha fatto seguito l’ordinanza del sindaco Paolo Michelini che, oltre alla chiusura delle finestre, chiede fino a nuova comunicazione ai residenti della zona di rimanere all’interno delle abitazioni, lavare accuratamente frutta e ortaggi, non stendere i panni sui davanzali e a lavare con acqua balconi e terrazzi. La stessa ordinanza è stata firmata dal sindaco di Borgo a Mozzano, Patrizio Andreuccetti.

Il sindaco si è recato sul posto con i vigili del fuoco (5 mezzi e 16 unità del comando di Lucca e del distaccamento di Castelnuovo) e le forze dell’ordine che stanno cercando di ricostruire la dinamica e l’ordine del rogo.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.