Quantcast

Medicina trasfusionale, la direttrice Rosaria Bonini eletta delegata regionale della Simti

Andrà a far parte fa parte anche del Gruppo tecnico di lavoro per le attività trasfusionali toscane

La direttrice della medicina trasfusionale e immunoematologia di Lucca e Valle del Serchio Rosaria Bonini è stata eletta delegata regionale della Società italiana di medicina trasfusionale e immunoematologia (Simti).

La Simti è la storica Società medico scientifica che rappresenta gli specialisti del settore e tutti gli operatori che quotidianamente sono impegnati sul fronte dell’autosufficienza di sangue ed emoderivati, della qualità e sicurezza della risorsa sangue e dell’assistenza clinica ai pazienti nell’ambito di molti importanti percorsi assistenziali. Negli ultimi anni la Simti è entrata nel Board dell’Isbt come Western european director ed è stata inserita nell’elenco delle Società scientifiche e delle associazioni tecnico-scientifiche delle professioni sanitarie istituito dal Ministero della Salute.

Il delegato regionale Simti, tra l’altro, fa parte anche del Gruppo tecnico di lavoro per le attività trasfusionali a livello regionale, che svolge funzioni propositive e consultive per la raccolta e la produzione, per la medicina trasfusionale, per la convenzione per la lavorazione del plasma e, più in generale, per la programmazione delle attività trasfusionali. Questa commissione è costituita nell’ambito della direzione generale del diritto alla salute e delle politiche di solidarietà della Regione Toscana.

Rosaria Bonini, originaria di Sillico e residente a Castelnuovo di Garfagnana, dal 2015 è direttrice della Medicina trasfusionale e immunoematologia dell’ambito di Lucca a Valle del Serchio. Si è laureata in medicina e chirurgia all’Università di Pisa, dove si è anche specializzata in ematologia generale e in patologia clinica. Dal 1989 al 1991 è stata assistente medico al laboratorio analisi chimico-cliniche e microbiologiche a servizio dei territori di Massa Carrara e Garfagnana. Dal 1991 al 1997 è stata dirigente medico di secondo livello nella sezione trasfusionale di Castelnuovo Garfagnana. Nel 1997 e fino al 2013 è diventata responsabile della sezione aggregata di immunoematologia e medicina trasfusionale della Valle del Serchio. Dal 2003 al 2008 è stata anche responsabile del sistema qualità di Iimmunoematologia e medicina trasfusionale dell’allora Azienda USL 2 di Lucca. Dal 2008 al 2015  ha poi svolto il ruolo di responsabile facente funzioni della struttura complessa medicina trasfusionale e immunoematologia di Lucca e Valle, di cui ha assunto la direzione nel 2015.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.