Narcotizza e rapina anziano: donna in carcere

Narcotizzano in due un anziano e lo rapinano. I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Castelnuovo hanno arrestato ad Altopascio una delle due, una donna 27enne originaria di Messina e residente a Altopascio, con precedenti di polizia, colpita da un ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso per condanna passata in giudicato, perché deve scontare la pena della reclusione di 3 anni oltre alla pena pecuniaria della multa di 1.000 euro, comminata dalla Corte d’Appello di Firenze per il reato di concorso in rapina aggravata continuata.

Il reato è stato commesso il 28 aprile del 2013, secondo l’accusa, insieme ad una complice ai danni di un anziano, all’epoca 79enne, di Lucca.
Il pomeriggio del 27 aprile 2013, secondo quanto era stato ricostruito, le due donne hanno occasionalmente conosciuto l’anziano signore nei pressi della stazione ferroviaria di Lucca convincendolo a dare loro un passaggio in auto e facendosi accompagnare fino a Ponte a Moriano, dove, appena giunti nella zona centrale, una delle due donne aveva chiesto di fermarsi in un bar ad acquistare degli aperitivi per poter festeggiare il suo compleanno. Dopo l’acquisto delle bevande le donne hanno indotto l’uomo a consumare l’aperitivo in un luogo un po’ appartato, convinto dalla disponibilità di una delle due a consumare un rapporto sessuale. All’alba del giorno seguente, a Borgo a Mozzano lungo la via per San Romano di Motrone, un automobilista aveva notato il povero malcapitato mentre vagava a piedi in stato confusionale dando l’allarme al 112. Sul posto i carabinieri intervenuti hanno soccorso l’anziano, trasportato dal 118 all’ospedale di Lucca, accertando che era stato derubato dei soldi che aveva nel portafoglio. L’attività d’indagine condotta dai militari del nucleo operativo insieme a quelli della stazione di Borgo a Mozzano, ha consentito di ricostruire la dinamica dei fatti e di individuare le presunte responsabili, le quali, si è scoperto, avevano versato nel bicchiere dell’uomo una sostanza narcotizzante – mischiata con la bevanda – che lo aveva stordito facendolo addormentare, consentendo così alle donne di derubarlo facilmente della somma di 80 euro. In seguito le rapinatrici hanno abbandonato la vittima a bordo della sua autovettura parcheggiata ai margini della strada della zona isolata.
L’arrestata, espletate le formalità di rito, è stata associata alla Casa circondariale di Firenze.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.