Libellula: “No ad altre emissioni”

“Il progetto del pirogassificatore che Kme da tempo prometteva è stato presentato in Regione pochi giorni fa e dunque gli enti preposti hanno ora 180 giorni per effettuare la valutazione di fattibilità”. Inizia con queste parole un lungo intervento del movimento La Libellula che torna a parlare del progetto pirogassificatore di Kme sottolineando come questa nuova opera andrebbe a peggiorare una qualità dell’aria già di per se critica. Sempre il movimento sottolinea come nell’area della Media Valle ci sia un tasso di mortalità maggiore rispetto ad altre zone simili della Toscana e questo – sostiene il movimento – potrebbe essere dovuto agli agenti inquinanti presenti.

“La procedura di valutazione ambientale – si legge nel comunicato – dovrà considerare la qualità dell’aria nella zona in cui nascerà il pirogassificatore e gli ipotetici effetti dello stesso, in base ai dati tecnici forniti dal progetto. Ad oggi la qualità dell’aria a Fornaci è ricavabile sulla carta, in base all’ultima zonizzazione predisposta dalla Regione Toscana che posiziona il paese e le aree limitrofe nell’area collinare-montana con, appunto, una buona qualità dell’aria. Ciò che La Libellula sottolinea è che la qualità dell’aria nella zona non è stata sempre buona. Ricordiamo che fino al 2001, in base ai valori forniti dalla centralina fissa di rilevamento che era stata posizionata in piazza IV novembre, Fornaci era stata infatti classificata tra quelle aree della Toscana con la situazione peggiore dell’aria (zona D), e questo imponeva al Comune un monitoraggio in continuo. Questo improvviso quanto radicale cambiamento (da zona D, con situazione peggiore, all’attuale classificazione come area collinare-montana con buona qualità dell’aria) non è stato la conseguenza di un miglioramento oggettivo della situazione, ma è attribuibile al fatto che il Comune di Barga, pur presente negli allegati tecnici tra i comuni con situazione peggiore, incomprensibilmente non è stato riportato come tale nella direttiva regionale del 2001. A seguito di ciò tale comune ha perso il diritto alla centralina che avrebbe invece garantito il suddetto monitoraggio in continuo”.
“Successivamente – prosegue La Libellula – nel periodo fra il 2015 e il 2016 è stata poi installata nelle scuole medie di Fornaci una centralina mobile che ha effettuato quattro campionamenti da 15 giorni ciascuno con dati elaborati dall’Arpat che hanno evidenziato una situazione critica (spesso e volentieri i valori di pm10 superavano di gran lunga la soglia dei valori tollerabili per legge) tanto che la stessa Arpat, vista la situazione a dir poco problematica, al termine della relazione allegata al monitoraggio, consigliava di prolungare i rilievi per un periodo continuativo di almeno 300 giorni”.
“Ma veniamo ai nostri giorni – prosegue ancora il comunicato -. Attualmente è in corso una ulteriore campagna di rilevamento Arpat con centralina mobile che finirà a gennaio per cui fino ad allora non potremo disporre di dati certi sulla attuale qualità dell’aria. Disponiamo però di dati sulla mortalità e sui ricoveri in zona Media Valle e ne disponiamo grazie al fatto che la Libellula ha chiesto nel marzo scorso all’Agenzia regionale di sanità (Ars) un aggiornamento dei dati sanitari sulla nostra valle (richiesta a cui hanno aderito alcuni comuni fra cui quello di Barga). Questi dati sono stati presentati all’aula magna dell’Isi di Barga la sera del 3 ottobre scorso. Che cosa ci dicono? Ci dicono in maniera chiara e senza margini di dubbio che in Media Valle del Serchio si muore di più rispetto alla media regionale e che questo è un trend confermato ormai da anni. Noi della Libellula riteniamo che sarebbe doveroso che gli enti pubblici preposti iniziassero ad indagare sulle possibili cause di questa anomalia sanitaria, effettuando un studio sulle condizioni ambientali e sulle possibili fonti inquinanti e facendo come minimo reinstallare immediatamente quella centralina fissa che è stata tolta e che, del resto, ci è stata promessa la scorsa estate anche da Enrico Rossi”.
“In presenza di un monitoraggio dell’aria parziale e delle criticità sanitarie appena esposte – conclude il movimento – ci sembra ovvio che non ci siano minimamente le premesse per realizzare a Fornaci un pirogassificatore, opera altamente impattante dal punto di vista ambientale, con una nuova sorgente emissiva e un incremento consistente della produzione e del traffico veicolare. Certezze sull’effettiva qualità dell’aria che respiriamo dovrebbero essere imprescindibili per la valutazione di ogni ulteriore azione con ripercussioni sull’ambiente. Come movimento La Libellula chiediamo dunque una cosa che dovrebbe essere ovvia e cioé che prima di aver chiarito in maniera inequivocabile qual’è la qualità della nostra aria e prima di aver posto rimedio a questo eccesso di mortalità per varie patologie presenti nella nostra valle non si proceda assolutamente ad autorizzare nessuna fonte emissiva ulteriore”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.