Scuola di Gallicano, via le barriere architettoniche

Hanno preso il via i lavori di riqualificazione del giardino scolastico dell’istituto comprensivo di Gallicano con il primo e urgente intervento di abbattimento delle barriere architettoniche, realizzato grazie al contributo della Fondazione Banca del Monte di Lucca. È lo stesso primo cittadino, David Saisi, ad annunciarlo con un post su Facebook, nel quale anticipa che verranno realizzate anche alcune attrezzature per rendere maggiormente fruibile lo spazio esterno.

Si tratta di una prima parte di lavori di un progetto più ampio, con un costo complessivo pari a 36mila euro, di cui 25mila messi a disposizione da Conad e 11mila, appunto, dalla Fondazione Banca del Monte. Gli interventi prevedono il rifacimento del manto erboso e la realizzazione di pavimentazione per permettere spostamenti accessibili in una parte del giardino. “È per noi importante poter iniziare con la rampa di accesso al giardino per disabili, fino ad ora completamente assente – commenta Silvia Simonini, consigliera con delega all’istruzione – mancanza per noi molto grave per un edificio pubblico importante come questo, luogo di inclusione e accoglienza sociale. Per giungere al progetto definitivo – spiega ancora Simonini – sono state accolte le richieste ed i suggerimenti di chi la scuola la vive da vicino ogni giorno, ovvero ragazzi ed insegnanti, in costante confronto con le competenze tecniche di chi il progetto lo ha messo su carta, l’architetto Arianna Paladini dell’associazione professionale Arrighi”. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Serchio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.